Abbiamo avviato la Garanzia Partecipata

Il gruppo di Garanzia Partecipata (GP) della Comunità di Resistenza Contadina Jerome Laronze in questo 2018 ha effettuato 2 visite aziendali:

La prima a novembre presso l’az ag Forra’pruno a Lamporecchio, olivicoltura (vedi scheda).

La seconda a dicembre da Pietro al Podere Noceto, a Vernio (PO). (vedi scheda)

Prime impressioni su questo nuovo percorso:

Le visite sono andate bene e ci siamo resi conto che possono essere veramente un momento di aiuto e scambio di saperi.

Alla visita sono stati presenti alcuni produttori affini, un frantoiano per quanto riguarda l’olio, trasformatori, raccoglitori, e responsabili del gruppo GP.

Sono mancati i coproduttori perchè al mercato e nella comunità ancora non siamo riusciti a creare quel legame e quella sensibilità alla partecipazione della GP ma avvieremo presto percorsi di sensibilizzazione con la cittadinanza.

Come gruppo GP ci siamo dati appuntamento dopo le feste per un incontro al fine di sviluppare tutte le idee e i cambiamenti che abbiamo valutato in queste due visite.

Per maggiori informazioni riguardo alla Garanzia Partecipata vai QUI.

8 DICEMBRE – COMUNICATO

La “Giornata contro le Grandi Opere Inutili e Imposte” (GOII), 
proclamata dal Forum internazionale dei movimenti e comitati che lottano per la salvaguardia dei territori contro la realizzazione delle 
infrastrutture nocive, ci ricorda di volgere lo sguardo verso quell’8 
dicembre del 2005 in cui gli abitanti della Val Susa si riappropriarono 
del territorio oppresso da una delle tante opere mortifere: la linea 
alta velocità Torino Lione.
 
Attraverso l’opposizione a questa devastazione programmata si sono poco a poco nutrite le radici di altri modelli di convivenza civile, 
organizzazione dal basso, autonomia. Crescendo negli anni la 
consapevolezza che non siamo ancora libere/i dallo sfruttamento, dallo schiavismo e dalle logiche neocoloniali totalitarie, molte altre 
comunità in lotta hanno sollevato lo sguardo, unendo gli intenti: è il 
caso del Comitato contro le Nocività, del Presidio No Inc-No Aero, del 
No Tap.
 
Proprio a Firenze il progetto di ingrandimento dell’aeroporto di Peretola rappresenta l’ennesima grande opera a vantaggio di pochi e dalle tante conseguenze negative per i cittadini della piana, visto che inevitabilmente aumenteranno i livelli di inquinamento atmosferico ed acustico in un luogo già fortemente inquinato ed antropizzato come la piana FI-PO-PT, oltre al fatto che verranno traslocate, come fossero semplici oggetti, aree umide ed oasi presenti nell’area caratterizzate da un delicato ecosistema.
 
In questo contesto di resistenza collettiva la Comunità di Resistenza 
Contadina “Jerome Laronze”, Mondeggi Bene Comune e il Collettivo d’Agraria dell’Università di Firenze, consci del loro importante ruolo 
nella custodia dei territori abbandonati e nel monitoraggio 
socio-ambientale, vogliono essere parte organica di quel tessuto 
connettivo di comitati, movimenti, associazioni e comunità che 
propongono un’alternativa al modello estrattivista, dalla matrice 
schiavista, sfruttatrice, mafiosa, criminale.
 
A partire da queste esperienze e ispirati da realtà come Mondeggi Bene Comune – che da 4 anni è impegnata nel togliere al capitalismo la terra sotto i piedi, facendo da baricentro di lotta, ricostruendo modelli di convivenza tra esseri viventi ed educando alla Salute e al cibo sano – proponiamo di accordare il passo, verso la transizione agroecologica e la costruzione di un percorso comune rivolto alla definizione di un nuovo patto degli esseri umani, TRA loro e CON la Terra.
 
Vogliamo quindi manifestare in occasione di questa giornata così 
significativa la nostra presenza, costante e determinata, a fianco di 
coloro che dicono SI al processo del cambiamento e alle pratiche 
alternative. Per questo l’8 dicembre ribadiremo il nostro impegno alla 
costruzione di un futuro sano e degno, in coordinamento con i territori che, stanchi di subire devastazioni, svendita e saccheggio hanno deciso di lottare, resistere, sognare.
 
Da Torino alla Piana
 
A sarà dúra!!
 
Comunità di Resistenza Contadina Jerome Laronze
Mondeggi Bene Comune
Coll. Agraria, Firenze

Una giornata al Parco e al Presidio Noinc-Noaero!

In collegamento con la GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE E DIFFUSA CONTRO LE GRANDI OPERE lanciata dalla “Valle che resiste – NoTav” invitiamo tutti:
ad “Una GIORNATA AL PARCO e AL PRESIDIO NOINC-NOAERO!”Per conoscere meglio ciò che rischiamo di perdere e per sostenere ciò che possiamo fare.

 
 
******* PROGRAMMA ********
Ore 10.00 Ritrovo al Polo Scientifico e Camminata al Lago di Peretola e all’Oasi Val di Rose.
Ore 13,00 Pranzo popolare al Presidio con prodotti genuini del territorio.
ore 14,30 Assemblea e interventi dal “bel Paese che resiste” con collegamenti video e telefonici dalla manifestazione NOTAV di Torino e dal Salento NOTAP.#8DICSIPARCO
NO AEROPORTO CEMENTO E NOCIVITA’!

Presidio Noinc-NoAero
Mondeggi Bene Comune – Fattoria senza padroni

Calendario Casa della Salute Oltrarno

CALENDARIO DAL 16 NOVEMBRE AL 28 DICEMBRE
Tutti i venerdi, orario consulenze 16:00/19:30

16/11/
18

Medicina di base-salute mentale-malattie ambientali- Gian Luca, medico psicoterapeuta, vicepresidente nazionale di Medicina Democratica. Conduce gruppi di meditazione diffusa, gratuiti, aperti a tutt@, il mercoledi pomeriggio dalle 18, alle 20 in via del Leone 76 presso Fuoribinario.
Fisiatria – Nicla aree di possibile intervento: medicina (orto-geriatria- neurologia), riabilitazione. 

23/11/18

Ginecologa – Celeste – Consulenza sulla salute della donna
Sesso sicuro – Roberta

30/11/18

Fitoterapia e medicina tradizionale cinese – Stefania, consulenze di fitoterapia, nutrizione, depurazioni, autoproduzione di rimedi erboristici
Medicina tradizionale CineseElena – massaggiatrice ed operatrice Tuina e Qi Gong. Consulenze su medicina cinese e consigli su prevenzione stagionale in MTC

07/12/18
Naturopatia – Valentina – Consulenze di alimentazione, fitoterapia, floriterapia, autoproduzioni

  • 14/12/18
    Ginecologia – Celeste – Consulenze sulla salute della donna
    Sesso sicuro – Roberta
    Medicina di base-salute mentale-malattie ambientali Gian Luca,  medico psicoterapeuta, vicepresidente nazionale di Medicina Democratica.Conduce gruppi di meditazione diffusa, gratuiti, aperti a tutt@, il mercoledi pomeriggio dalle 18, alle 20 in via del Leone 76 presso Fuoribinario.  21/12/18
    Medicina Tradizionale Cinese –   Elena – massaggiatrice ed operatrice Tuina e Qi Gong. Consulenze su medicina cinese e consigli prevenzione stagionale in MTC.
28/12/18

Fisiatria – Nicla aree di possibile intervento: medicina (orto-geriatria- neurologia), riabilitazione. 

16/11 – Proiezione del film ENTROTERRA

VENERDì 16 NOVEMBRE ALLE ORE 17.30
ENTROTERRA – Memorie e desideri delle montagne minori

Un film, tratto da un’esperienza di viaggio e di ricerca , prova a ricostruire i recenti processi di spopolamento. Luoghi e personaggi si intrecciano in un’unica voce appenninica, in cui eventi e tendenze affini uniscono territori anche molto distanti fra di loro immaginando nuove prospettive e possibili radicamenti in alta quota

Proiezione del film con dibattito con gli autori e a seguire aperitivo genuino e contadino offerto dalla Comunità di Resistenza Contadina Jerome Laronze in piazza!

FESTA D’AUTUNNO

Una festa libera e gratuita per condividere con il quartiere di San Frediano i nostri prodotti genuini di fine stagione e ringraziarvi tutt*, ad un anno dall’inizio di Contadin* in Piazza!

 

INOLTRE, DALLE 15 MERCATO CONTADINO + GRANDE DEBUTTO DEL LIBERO AMBULATORIO POPOLARE

VI ASPETTIAMO 😀

Libero Ambulatorio di Medicina Popolare

L’Ambulatorio di Medicina Popolare è un progetto che vuole dar vita ad un consultorio autogestito del quartiere di San Frediano, con l’obiettivo di garantire assistenza sanitaria di base gratuita e accessibile a tutt*, contribuire all’informazione e all’organizzazione di campagne di lotta sul diritto alla salute, prevedendo l’utilizzo della medicina ufficiale in maniera integrata con le medicine complementari e la riscoperta delle discipline di medicina naturale.

Le trasformazioni subite negli ultimi anni dal sistema sanitario hanno generato un servizio pubblico che, per far quadrare i conti, risponde alle logiche gestionali prima che alla domanda di salute. Si tratta di un sistema sanitario basato sul rapporto tra il numero di prestazioni effettuate e il profitto di chi le produce. In questo panorama non trovano spazio le politiche di prevenzione e di diritto alla salute e si assiste a un progressivo smantellamento delle strutture ospedaliere pubbliche e poliambulatoriali territoriali, alla riduzione significativa di servizi socio-assistenziali e all’affidamento di queste mansioni a strutture private. Vittima di tale politica sono anche i consultori, caratterizzati un tempo da una presenza territoriale capillare e, fino a pochi anni fa, dall’accesso completamente gratuito.

In questo contesto di impoverimento socioculturale l’Ambulatorio diventa la possibilità di praticare un’idea differente di diritto alla salute, coniugando un’attività concreta di intervento sanitario caratterizzata dalla medicina integrata, con una battaglia politica più generale di trasformazione sociale. Uno spazio d’ascolto in cui la consulenza medica ha un ruolo di comunicazione e non di pura osservazione, un tentativo di unire un concetto di cura e di prevenzione con la denuncia degli abusi di una sanità permeata di profitti, sempre più inaccessibili per i poveri, sempre più a misura di ricchi e assicurazioni private.

Il Libero Ambulatorio di Medicina Popolare si propone come punto di riferimento per la costruzione di un’informazione diversa mirata al coinvolgimento del quartiere, per diventare luogo di auto-organizzazione dei bisogni reali. In quest’ottica, l’ambulatorio vuole sostenere l’acquisizione da parte delle donne di una capacità critica rispetto alle risposte che la medicina propone ai problemi della salute femminile, a partire dalla considerazione che sessualità, maternità e contraccezione non sono patologie e che la cultura che le vuole medicalizzare impone privazione di libertà e di auto-determinazione.

Nonostante ciò non intendiamo caratterizzarci con una attività di generico volontariato, ma intendiamo piuttosto praticare una solidarietà militante mettendo a disposizione le nostre competenze per poter offrire consulenze specifiche di ginecologia, fisioterapia, psicologia, fitoterapia, medicina allopatica e medicina tradizionale cinese.

Per fare ciò, grazie al percorso portato avanti dalla “Comunità di Resistenza Contadina Jerome Laronze” abbiamo deciso di utilizzare lo spazio pubblico per offrire una postazione fissa tutti i Venerdì in Piazza Tasso dalle 16.00 alle 19.30, nella speranza che un giorno il nostro Ambulatorio si trasformi in una vera e propria “Casa della Salute” così da poter rispondere anche al bisogno di visite, trattamenti e controlli specifici.

Zibechi: «Dagli zapatisti ai No Tav, lotta globale all’estrattivismo»

Intervista al giornalista e scrittore uruguiano Raúl Zibechi sul modello economico imperante oggi e le resistenze popolari: «Intere comunità sono ostacoli da rimuovere per lasciar spazio a miniere a cielo aperto, monocolture, grandi opere. Ma c’è anche un estrattivismo di tipo urbano, la gentrificazione»

Raúl Zibechi è un giornalista, scrittore e attivista uruguaiano, da anni impegnato nella narrazione dell’evoluzione dei movimenti sociali in America Latina. Lo scorso giugno ha partecipato a vari incontri in giro per l’Italia. A Roma, al Parco delle Energie-Csoa Ex Snia, era insieme a una quindicina di comitati che si oppongono alla realizzazione di grandi opere infrastrutturali, dal Tap al Tav passando per le battaglie contro gli inceneritori nel Centro Italia e per quelle di chi difende un modo diverso di produrre e distribuire il cibo. Un’occasione per approfondire con lui una serie di temi.

Nei tuoi articoli e nei tuoi libri illustri e analizzi il concetto di estrattivismo, ancora poco conosciuto da noi. Puoi spiegarci di che cosa si tratta?

L’estrattivismo è una forma di accumulazione fatta dal capitale finanziario, che domina attualmente nel pianeta, attraverso l’appropriazione della natura e dei beni comuni per convertirli in beni di consumo. È l’accumulazione per spossessamento, per «furto». Una differenza fondamentale tra l’estrattivismo e il sistema industriale è che per quest’ultimo gli esseri umani erano una risorsa da sfruttare, servivano a raggiungere il plusvalore. Nell’estrattivismo le persone, ma direi intere popolazioni, sono ostacoli che devono essere rimossi per lasciar spazio, per esempio, alle miniere a cielo aperto, alle monocolture, come la soia, o alle grandi opere infrastrutturali, come quelle per trasportare gli idrocarburi. Ma c’è anche un estrattivismo urbano, che si manifesta tramite la gentrificazione, che sta avvenendo in tutto il mondo. Per questo non ci troviamo di fronte solo a un modello economico, io parlo di vera e propria società estrattiva, che implica una militarizzazione del territorio che crea le basi per uno Stato di polizia. Ormai dobbiamo parlare di «elezioni senza democrazia», perché non si può scegliere che tipo di società vogliamo. Altro elemento nuovo e molto pericoloso è l’alleanza tra capitale finanziario, mafia e forze dello Stato. Continue reading “Zibechi: «Dagli zapatisti ai No Tav, lotta globale all’estrattivismo»”

Genuino Clandestino contro l’Agribusiness

Genuino clandestino

di Elide Cillano

Nell’ultimo fine settimana di aprile, a Mondeggi Fattoria senza Padroni, nei pressi di Firenze, si è tenuto l’incontro semestrale di Genuino Clandestino. Un bella occasione, molto partecipata, per dibattere molti temi di attualità generale e di specifica organizzazione del movimento. E siccome Mondeggi è sotto scacco per uno sgombero, il sabato pomeriggio si è svolta una manifestazione colorata nel capoluogo toscano. Per noi c’era Elide Cillano, orgogliosamente sarda, femminista, attivista di GC sardo.

CONTINUA A LEGGERE: http://www.arivista.org/?nr=427&pag=16.htm