Ricordiamo insieme Jerome Laronze

Cinque anni fa, il 20 maggio del 2017, in Francia nella regione della Borgogna, Jerome Laronze, contadino, piccolo allevatore, è stato barbaramente ucciso da due agenti della locale gendarmeria semplicemente perchè si rifiutava di sottostare ai controlli burocratici sulla sua attività.

L’iperburocratizzazione non aiuta gli agricoltori, produce solo umiliazioni e vessazioni. È adatta solo a venditori e intermediari. Il mio caso è uno su mille, ma illustra bene come una regolamentazione eccessiva porti alla distruzione dell’agricoltore” scrive Jerome il 19 Maggio.

Jerome si opponeva all’oppressione di un sistema funzionale solo all’avanzata dell’agroindustria e per questo è stato ucciso.


Un caso in cui le istanze di un mondo contadino ormai ridotto ad una esigua minoranza, criminalizzato ed estromesso dalla legalità dello Stato neoliberista si intrecciano col volto violento e repressivo di un Sistema che utilizza sistematicamente gli abusi delle autorità militari e di polizia per terrorizzare ed imporre se stesso.


Ricordiamo la storia di Jerome nel 5° anniversario del suo omicidio insieme alle tante situazioni simili dove la violenza di Stato si manifesta, anche se in maniera meno eclatante.

2O MAGGIO ORE 17.30 MERCATO CONTADINO DI PIAZZA TASSO

23 MAGGIO ORE 17.30 PRESIDIO CONTADINO PIAZZA ELIA DALLA COSTA

seguirà alle iniziative l’aperitivo contadino!

GC Primavera 2022! 13-15 maggio

Buongiorno,
abbiamo il piacere di comunicarvi che, dopo il primo mercato al CAP80126 a Napoli, ospiteremo quest’anno dal 13 al 15 maggio in Campania il raduno intergalattico di Genuino Clandestino!, una rete che da molti anni si occupa di autodeterminazione e sovranità alimentare, coinvolgendo studios*, lavorat*, attivist* e tante persone che quotidianamente fanno la spesa nei mercati clandestini. Discuteremo di salute e transizione ecologica, sistemi di garanzia partecipata, lavoro nelle filiere alimentari – ragionando su forme quanto più possibile orizzontali e non sfruttate – e tanto altro. Sarà anche un’occasione per discutere su come restare in rete e scambiare pratiche e saperi.

Il raduno si terrà il 13 e 14 maggio a Mirabella Eclano (AV). Il 15 maggio saremo a Scampia (NA) per il mercato contadino.

Vi invitiamo a compilare il form di iscrizione: https://cryptpad.fr/form/#/2/form/view/3ibiUxn14hE+OeVDlHDw3FAJa7YMmWBbG5QbzIVet5g/ .

Vi chiediamo di compilarlo entro l’8 maggio, in modo da avere in tempo alcune informazioni necessarie per organizzare al meglio le giornate.
Per info, scrivete a questo indirizzo: genuinoclandestino.campania@autoproduzioni.net

Genuino Clandestino Campania

 

 

Addolcisci le denunce!

Questo venerdì, al consueto mercato contadino di Piazza Tasso troverete un banchino con sfiziosa pasticceria, benefit spese legali!

GIULIA & ALAN

VALDISIEVE

attenti a quei due

03 APRILE 2022

Eccoci arrivati a Tassinaia, il luogo dove vivono Alan (il figlio) e Giulia (la mamma) che ormai fanno parte del mercato contadino di Piazza Tasso.
Siamo venuti a trovarli per la visita della Garanzia Partecipata: produttori affini, consumatori, amici della GP.

Nella Valdisieve c’è questo splendido posto incontaminato dove Alan vive nel suo piccolo locale, con una vista che fa perdere lo sguardo portando a sognare altri mondi e altre relazioni possibili.

Alan e Giulia non sono contadini, producono poco ma quello che viene prodotto e portato al mercato è frutto di passione, amore per la
terra e rispetto degli esseri umani ed animali. Sono arrivati nella nostra Comunità più per affinità e spirito comunitario che per necessità di vendita.

Alan sta portando avanti il suo piccolo progetto di Agroecologia: ha un pezzettino di oliveta che sta ripristinando, frange in un piccolo frantoio che fa olio di qualità e mette cura anche nella trasformazione delle olive.

 

Le galline vivono libere intorno
alla casa razzolando erba e depondendo uova che vengono poi portate al mercato.

Tutte le eccedenze che madre terra dà vengono portate al mercato, riuscendo a integrare un  po’  la loro economia.

Non è fondamentale questa attività per la loro sussistenza, ma comunque
è una parte importante  dal punto di vista spirituale.
Essere coerenti, nel possibile, con i propri valori e principi. Uno stile di vita con il minor impatto possibile sulla natura, su gli esseri umani
e sullo spirito.

In passato avevano attiva l’azienda agricola che però hanno dovuto chiudere e
a questo punto è nata la necessità di fare un mercato protetto dove contassero i principi e non le scartoffie burocratiche.


Una bellissima mattinata per campi e olivi,
ma soprattutto un pranzo con i fiocchi:
lasagne e tiramisù.

Ancora una volta la GP si conferma uno
strumento importantissimo, non di
controllo, ma  per rafforzare
i legami, capire le situazioni, aprire le
porte.

 

NE’ CONTROLLORI NE’ CONTROLLATI !

Compleone 2022

Amiche e amici, vi invitiamo a festeggiare con noi il nono compleanno dell’occupazione di via del Leone, il Compleone!

  • VENERDì 22 APRILE IN PIAZZA T. TASSO

a partire dalle 17.30 musicata folk con:
APINE – strimpellate di resistenza
MELISSA – canzoni a caso contro gli sbirri
FANFARA DELLA LEGGERA – canti e sonate dalla Val di Sieve

alle 19.30 spettacolo a cura del
TEATRO CONTADINO LIBERTARIO

dalle 20.00 CENA VEGAN e GENUINA CLANDESTINA
benefit spese legali, con prodotti del mercato di Piazza Tasso, coorganizzata con la Comunità di Resistenza Contadina Jerome Laronze.

alle 21.30 in via del Leone spettacolo teatrale
ANTIGONE E IL CARCERIERE, con la compagnia Le Buone Intenzioni, di Emanuele Cecchetti

 

  • DOMENICA 24 APRILE IN VIA DEL LEONE 60
    probabile giornata di ripittaggio!

alle 13.00 PRANZO DI QUARTIERE
porta quello che vorresti trovare

 

  • LUNEDÌ 25 APRILE
    alle 15.00 ritrovo in Piazza Santo Spirito con tutta la Firenze Antifascista

… ci vediamo lì!

Nuovo mercato contadino a Gavinana!

La Comunità di Resistenza Contadina Jerome Laronze e Mercato in Transizione, presentano un nuovo mercato contadino!!

Ancora una volta, l’agricoltura contadina agriecologica incontra i cittadini per uno scambio di prodotti e saperi.

Tutti i lunedì, dalle 15.00 alle 19.00 in Piazza Elia della Costa, nel quartiere Gavinana, Firenze Sud.

Vi aspettiamo!

 

MARTINA, madre ignota

MONSUMMANO TERME

pane

20 FEBBRAIO 2022

Martina è una delle poche donne panificatrici della nostra comunità resistente e in resistenza, di cui lei impersonifica perfettamente questi due concetti: resistenza ma anche  azione.

Due occhi grandi e profondi, un sorriso che ti illumina il cuore. Da poco tempo si è avvicinata, con i genuini clandestini di Pistoia, al nostro percorso e subito è stato amore.

Una donna coraggiosa in tempi di pandemia ma soprattutto coerente; una virtù, quella della coerenza, che ormai in molti non ricordano più come mettere in pratica. Insegnante a scuola, con l’arrivo del Covid, come molti di noi, si è vista restringere le libertà personali e poi con l’obbligo della tessera verde negare anche il diritto al lavoro.

Non è certo stato facile… ma far parte della comunità è stato importante; il sentirsi appartenere a un gruppo in cui la solidarietà è un valore non solo presente ma anche praticato dà sicuramente coraggio.

E allora una nuova vita: basta con la scuola e si passa da “signora maestra” a MADRE IGNOTA, inizia il suo percorso di panificatrice.

Dietro a quegli occhi da cerbiatta si nascondono tenacia, forza e perseveranza. Quest’anno ha seminato anche un paio di campi a grano, per iniziare una propria produzione, che siamo andati a visitare. Coltivare gli abbandonati è un azione importante in quanto la zona del Padule di Fucecchio subisce l’uso di diserbanti per la coltivazione di mais o girasoli. Tornare a coltivare in bio alcuni terreni è anche un modo pratico per ostacolare tutto ciò.

Martina per ora partecipa al mercato Agrikulturae dell’Isolotto e al mercato GC di Pistoia. Un grazie per la splendida giornata a base di meravigliose pizze e focacce e per capire l’atmosfera che si respira alle visite della GP niente parole ma ecco le foto…

NE’ CONTROLLORI NE’ CONTROLLATI !

ALBERTO & ANNA, az. agricola Fonte dei Serri

POPPI

immersi nel mondo delle mucche

6 FEBBRAIO 2022

Una garanzia più che partecipata quella che si è svolta dai nostri amici Anna e Alberto, che si sono uniti da poco alla nostra comunità ma hanno già conquistato i nostri cuori e soprattutto le nostre gole.

Ritrovo a Poppi paese con Alberto che come prima cosa ci fa visitare alcuni terreni, dove coltivano i vari nutrimenti per le mucche. Ci racconta le scelte di coltivazione, le rotazioni delle colture e le storie di questi terreni; alcuni in affitto, altri di proprietà, atri ancora in comodato d’uso.

Proseguiamo andando a vedere i terreni vicini a casa, facendo una bellissima passeggiata in pieno campo con in lontananza un bellissimo paesaggio montano.

Arrivati a casa troviamo anche i due figli che collaborano attivamente alla vita dell’azienda: uno seguendo più le mucche ed affiancando il padre nella gestione dei terreni, l’altra nel caseificio con la madre.

Finalmente ci portano a conoscere le mucche, il centro del loro lavoro! Ci mostrano le diverse stalle in cui alloggiano divise per età, bisogni e funzioni. Ci spiegano il funzionamento della mungitrice che adoperano ed i criteri con cui le mandano al pascolo. Ci mostrano gli attrezzi con cui lavorano i campi, raccolgono il fieno e tante altre cose.

Riescono ad essere autosufficienti per quanto riguarda l’alimentazione delle mucche (fieno, erba medica e cereali), ma anche per sé (formaggi, farina, pasta, uova, vino, birra, carne ed altro ancora).

Infatti, oltre alle mucche, ci mostrano i maiali che stanno allevando, le galline con le diverse postazioni, l’orto da dove provengono gli ortaggi per il fabbisogno familiare e la piccola vigna.

Insomma Fonte dei Serri sopravvive grazie al lavoro di questa efficiente famiglia che si autoproduce tutto ciò che serve per sfamare le mucche, loro e gli ospiti che passano di li!

Arriva velocemente l’ora di pranzo e, come promesso da Alberto, “ci mettono tutti a tavola”. Un pranzo divino con tutti i loro prodotti (dal vino alla farina, dalla carne agli ortaggi e soprattutto gli squisiti formaggi). Una splendida tavolatona nell’aia grazie al sole ed alle temperature miti che ci accompagnano.

 

Sazi e soddisfatti della meravigliosa accoglienza andiamo in visita al caseificio dove Anna e Carmela fanno i buonissimi formaggi, yogurt e burro che vendono al mercato. Il laboratorio è piccino ma molto accogliente e funzionale. Ci raccontano le varie fasi ed i vari attrezzi che usano per fare il formaggio. Pulitissime e precisissime.

Compiliamo insieme le nostre schede. Insomma non si può veramente dire proprio nulla se non fare i complimenti a questa famiglia che si rimbocca le maniche tutti i giorni. Perché con gli animali si sa, non c’è mai una pausa!

NE’ CONTROLLORI NE’ CONTROLLATI !

Sabato 18 Settembre Firenze si mobilita!

Dalla dichiarazione per la vita del movimento zapatista :

” – Facciamo nostri i dolori della terra: la violenza contro le donne; la persecuzione e il disprezzo verso i diversi nelle identità affettive, emozionali, sessuali; l’annichilimento dell’infanzia; il genocidio contro gli indigeni; il razzismo; lo sfruttamento; l’espropriazione; la distruzione della natura.

– Siamo consapevoli che è un sistema il responsabile di questi dolori. Il boia è un sistema sfruttatore, patriarcale, gerarchico, razzista, ladro e criminale: il capitalismo.

– Siamo consapevoli che non è possibile riformare questo sistema, educarlo, attenuarlo, limarlo, addomesticarlo, umanizzarlo.

– Ci impegnamo a lottare, in ogni luogo e in ogni tempo, ognuno nel suo territorio, contro questo sistema al fine di distruggerlo, la sopravvivenza dell’umanità dipende dalla distruzione del capitalismo. Noi non obbediamo, non siamo in vendita, non ci arrendiamo.”

Sabato 18 settembre la città di Firenze si mobilita e richiama alla partecipazione tutte e tutti dall’intero territorio nazionale

Importanti inziative si svolgeranno in città in questa giornata:

Le operaie e gli operai della GKN in lotta dopo un brutale licenziamento di massa ad opera di una finanziaria multinazionale che per aumentare i propri profitti sul mercato non esita a delocalizzare la produzione mettendo sul lastrico centinaia di famiglie e distruggendo il tessuto sociale e produttivo di un intero territorio. “E noi vi continuiamo a chiamare a insorgere. Ognuno con le proprie istanze, le proprie rivendicazioni, consapevoli che per vincere qua bisogna cambiare i rapporti di forza nel paese. E se i rapporti di forza cambiano, cambiano per tutti.”

Facciamo rumore – Queer pride un anno di magniFica:

“Rivendichiamo che i nostri corpi siano liberi di essere, godere, invadere, unirsi e dividersi, che le nostre voci siano ascoltate nel loro urlare di rabbia e nel loro gemere di piacere, lacerando e distruggendo giorno dopo giorno, lotta dopo lotta, l’idra le cui teste annoverano, assieme all’eteropatriarcato, il capitalismo, lo stato, il suprematismo bianco, lo specismo, la medicalizzazione abilista e neuronormativa, la tecnocrazia, ed il cui corpo reca le parole «Società occidentale». “

Le contadine e i contadini del movimento Genuino Clandestino sostengono la “resistenza contadina” praticando agricoltura agroecologica rivolta al soddisfacimento dei bisogni alimentari delle comunità locali. Sappiamo bene cosa significa “delocalizzare “in agricoltura perchè lo abbiamo vissuto anche noi sulla nostra pelle. Significa non poter più essere contadini ma forzatamente diventare imprenditori che non producono più cibo per le comunità locali ma solo commodities per i mercati finanziari, specializzarsi, indebitarsi e diventare l’anello debole di una catena criminale che sfrutta, devasta, inquina e produce cibo spazzatura spostando le produzioni dove più gli conviene. Ci mobilitiamo per denunciare la retorica mistificatoria del G20 Agricoltura che si tiene a Firenze proprio nei giorni del 17 e 18 settembre, abbandonando simbolicamente la città con una marcia fino alle terre senza padroni di Mondeggi.

Siamo unitǝ nella stessa lotta ad un sistema che sta distruggendo le nostre esistenze, il nostro ambiente, la vita stessa di tutto il pianeta.

Corteo GKN concentramento ore 15 alla Fortezza da Basso e partenza alle ore 16

Pride un anno di MagniFica ore 17 piazza NonUnaDiMeno (SS. Annunziata)

Marcia per la terra concentramento ore 13 in piazza Poggi e partenza alle ore 14